In arrivo i fondi PNRR ai Comuni e ATS per l'inclusione sociale

In arrivo i fondi PNRR ai Comuni e ATS per l'inclusione sociale

I fondi del PNRR perl'inclusione dei più fragili (disabili, anziani e famiglie con bambini epersone prive di abitazione) sono stati assegnati agli ambiti territorialisociali (ATS) e ai Comuni che ne hanno fatto richiesta e sono risultati idonei.Con tali fondi, che hanno un valore complessivo di oltre 1 miliardo di euro, simira a favorire le attività dedicate ai più fragili, a fornire sostegno epercorso di autonomia per disabili, oltre a fornire housing temporaneo estazioni di posta.

Il Ministero del Lavoro ha inserito le attività diinclusione sociale nel PNRR con la missione 5 “Inclusione e coesione”,componente 2 “Infrastrutture sociali, famiglie, comunità e terzo settore"del Decreto Direttoriale 98, del 9 maggio 2022. Grazie a questa misura gli ATSe i singoli Comuni potranno beneficiare dei fondi, se rientranti nellespecifiche del decreto, dopo aver presentato le proposte intervento (tramite ilbando scaduto lo scorso 1° aprile). Sono questi enti ad essere stati scelti,per il loro ruolo di fulcro per la programmazione locale, e per il coordinamentodegli interventi dei servizi sociali e di altre prestazioniintegrative attive a livello locale.

Allo scopo di aiutare l'inclusionedei soggetti ritenuti più vulnerabili, il Ministero del lavoro ha stabilitodelle linee di attività per leproposte di ATS e Comuni. Si parla di: housing temporaneo e Stazioni di posta(Centri servizi); percorsi di autonomia per persone con disabilità; sostegnoalle persone vulnerabili e prevenzione dell’istituzionalizzazione degli anzianinon autosufficienti.
Le Regioni i cui ATS hanno ricevuto il maggior numero dirisorse dai fondi PNRR sono Lombardia, Lazio e Campania. Sul sito del Ministerodel Lavoro e delle Politiche Sociali si può trovare l'elenco degli ambitisociali territoriali e dei singoli comuni che hanno ottenuto l'accesso alfinanziamento.

Gli interventi percui è previsto l'aiuto dai fondi PNRR sono:
- forme di sostegno agli operatori sociali per contrastare il fenomeno del burnout;
- iniziative di housing sociale di carattere sia temporaneo che definitivo;
- rafforzamento dei servizi a supporto delle famiglie in difficoltà;
- servizi socio assistenziali domiciliari per favorire ladeistituzionalizzazione;
- soluzioni alloggiative e dotazioni strumentali innovative rivolte allepersone anziane per garantire loro una vita autonoma e indipendente.

Indietro

Articoli correlati: