Cos'è il PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza)

Cos'è il PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza)

Il programma Next Generation EU (NGEU) mette a disposizioneun pacchetto da 750 miliardi di euro (per la metà circa, sovvenzioni),destinati alla ripresa dei paesi europei dall’insorgere della crisi pandemica.La sua più importante componente è il Recovery and Resilience Facility (RRF),da cui viene sviluppato il nostro Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR).

Con questo Piano l’Italia ha previsto un pacchetto diriforme e investimenti, per un totale di fondi di circa 248 miliardi di euro,tra risorse allocate e sovvenzioni. L’obiettivo di tali risorse è dunque lariparazione dei danni economici e sociali subiti dal nostro paese in seguitoalla crisi sanitaria, in modo che il nostro paese possa trovare nuova forza eandare verso una transizione ambientale ed ecologica, nel tentativo di colmarei divari territoriali, generazionali e di genere. I tre assi strategiciattorno a cui si sviluppa il PNRR (in linea con quelli europei) sono: digitalizzazionee innovazione, transazione ecologica, inclusione sociale.

Il PNRR si divide in sei missioni:
1 - Digitalizzazione, Innovazione,Competitività, Cultura con oltre 49 miliardi allo scopo disostenere e promuovere la trasformazione digitale del Paese (in particolareportando la fibra ottica a privati, imprese e scuole), oltre ad investire sull’innovazionedel sistema produttivo e su un approccio più digitale per turismo e cultura, settorichiave del nostro paese.

2 - Rivoluzione Verdee Transizione Ecologica: con 68,6 miliardi allo scopo dimigliorare la sostenibilità e portare ad una transizione ambientale equa einclusiva, soprattutto potenziando il comparto riciclo dei rifiuti e riducendole perdite di acqua potabile nelle reti idriche.

3 - Infrastruttureper una Mobilità Sostenibile con a disposizione 31,5 miliardi, allo scopodi sviluppare un’infrastruttura di trasporto moderna, sostenibile che siestenda in tutto il Paese. Obiettivo primario il rafforzamento del sistemaferroviario per diminuire i tempi di percorrenza, oltre ad investimenti miratisui porti verdi.

4 - Istruzione eRicerca con 31,9 miliardi di euro, destinati al rafforzamento del sistemaeducativo, con la ristrutturazione e il potenziamento degli edifici scolastici,per un maggior numero di posti negli asili nido e classi trasformate in connect learning environments, e fondiper la ricerca, con 6.000 dottorati in più, già dallo scorso anno.

5- Inclusione eCoesione con stanziati 22,6 miliardi destinati a facilitare lapartecipazione al mondo del lavoro, tramite il rafforzamento delle politicheattive del lavoro, e per favorire l’inclusione sociale, con sostegni allepersone con disabilità o non autosufficienti.

6 - Salute percui sono stanziati 18,5 miliardi, allo scopo di aumentare le risorse perla prevenzione e per i servizi sanitari nazionali. Come per altri campi, siinveste anche per digitalizzare e modernizzare il sistema sanitario, puntandoad un maggiormente equo sistema di accesso alle cure.

Con il PNRR si cerca quindi di dare una svolta al Paese,portando una massiccia modernizzazione e una valorizzazione del nostro contestoeconomico. Il programma di riforme toccherà anche i procedimenti giudiziari, laPubblica amministrazione, gli investimenti e le gare di appalto pubbliche,portando ad un impatto positivo anche alla crescita economica e allaproduttività.

Indietro

Articoli correlati: